MONTENGRO, UNA PICCOLA PERLA PER GLI AMANTI DELLA MONTAGNA

DOCUMENTI NECESSARI PER ENTRARE CON UN CAMPER: (GIUGNO 2021)

  • PASSAPORTO / LIBRETTO CIRCOLAZIONE / CARTA VERDE ASSICURAZIONE
  • (se la vostra assicurazione non compre questo paese, potrete assicurare il vostro veicolo direttamente alla frontiera.)

Arrivammo in Montenegro verso le 21h30, dopo la brutta esperienza in Croazia,(https://youtu.be/h9uP4fNs0cs ) l’unica nostra speranza era quella di riuscire ad entrare senza problemi. Per fortuna all’arrivo in dogana il loro unico interesse riguardava la copia originale della carta verde, purtroppo avendo rinnovato la polizza assicurativa il giorno stesso potevamo presentarla solamente sul telefono, ma grazie all’ufficio assicurativo frontaliero e alla loro gentilezza riuscimmo a stampare il cartaceo da mostrare all’ufficiale doganale. Finalmente dopo l’infinita giornata riuscimmo ad entrare in MONTENEGRO.

BOCCHE DI CATTARO

Arrivando dalla frontiera costiera, in tarda serata, ci trovammo in difficoltà nel trovare un luogo per sostare la notte, tutto molto stretto e privato optammo per un parcheggio “campeggio” nel giardino di una casa privata. Il giorno seguente ci rendemmo conto di trovarci nelle BOCCHE DI CATTARO. Cattaro è una magnifica città fortificata medievale che da nome al luogo .  Un fiordo in Montenegro? Ebbene si, le bocche di Cattaro caratterizzate da queste imponenti montagne a picco sul mare formano un fiordo meraviglioso. Capimmo subito il motivo di molte case trasformate ad aree sosta, per 10/15e a notte offrono un grande servizio permettendo ai viaggiatori come noi, con un veicolo così grande di visitare le bocche. Infatti in tutta la zona i parcheggi sono limitati  a causa delle montagne imponenti a picco sul mare.

Dopo aver trascorso qualche giorno nel fiordo, approfittando del luogo incantevole e sistemando qualche problema meccanico sui freni di Mannu, ci dirigemmo verso l’interno percorrendo la strada  “p11”. Un dislivello notevole in pochi chilometri  permettono di osservare le bocche dall’alto con un panorama da rimanere senza parole! Ci rendemmo subito conto appena lasciata la costa, del cambiamento di paesaggio. Infatti, nessuna abitazione si intravedeva in lontananza, solo montagne e natura selvaggia. Sapevamo della poca popolazione all’interno del Montenegro per questo prima di addentrarci all’interno preferimmo organizzarci nel risolvere il problema ai nostri freni, soprattutto visto le salite e discese che avremmo dovuto affrontare visitando l’interno del paese.

Scegliemmo come prima tappa nell’interno il magnifico scenario di Slansko lake, un luogo selvaggio con la possibilità di sostare in riva al lago in diverse zone. Il luogo offre la possibilità di svolgere svariate attività all’aria aperta, trekking, gite in kayak / sup per raggiungere le numerose isolette o semplicemente potrete rilassarvi per contemplare l’incredibile paesaggio.

SLANSKO LAKE

*NB non c’è nessun tipo di  attività di noleggio nella zona, il kayak / sup bisogna portarselo.

Ci dirigemmo in seguito, verso il Nevidio canyon dove si trova il “Nature Park Dragisnica i Komarnica” un luogo super attrezzato e pulito dove poter sostare gratuitamente (fuori stagione)  usufruendo dei servizi messi a disposizione, fontana, tavoli all’ombra, barbecue etc. con la possibilità di farsi il bagno e rilassarsi sulla riva del fiume. Passammo parecchi giorni da soli, esplorando la zona e godendo delle bellissime giornate di sole che ci permisero di farci il bagno nelle piscine della cascata “Skakavica” un luogo idilliaco non lontano dall’area attrezzata.

SKAKAVICA WATERFALL

Dietro di noi regnava il picco di Bobotov Kuk, così dopo l’arrivo della pioggia decidemmo di rimetterci in strada per osservare più da vicino la bellezza del Durmitor National Park (patrimonio dell’Umanità).

Arrivati a Zabljak piccolo comune nella valle del Durmitor situato a 1456m sul livello del mare  ne approfittammo per rifornire in Carburante / acqua e cibo. l’idea era di raggiungere l’arrivo dell’impianto di risalita (ormai dismesso da anni) percorrendo una piccola strada di montagna (agibile solo in estate), così da poter stare immersi nel nulla a 1900m per una settimana. Il dubbio sulle strade secondarie è onnipresente, avendo un mezzo così grande non è semplice raggiungere certi posti, ma in un modo o nell’altro con la testa dura che ci ritroviamo riusciamo quasi sempre nell’intento. In questa situazione fummo fortunati, arrivammo a destinazione senza troppi problemi, trovando uno spazio perfetto per il nostro camion non lontano dalla partenza dei vari Trail possibili nel National Park.

Una settimana in alta montagna praticamente soli, all’insegna di trekking relax e lavoro con una temperatura perfetta durante il giorno e le notti fresche ci fecero innamorare del luogo. Il Durmitor National Park possiede un potenziale unico riguardante gli sport di montagna, trail per Mtb, trekking, free climbing, parapendio, canoa sul lago nero e chiaramente sci d’inverno. Un potenziale non sfruttato, infatti pochissimi servizi si trovano in zona se non qualche mappa con i trail percorribili, ma forse questo è proprio  motivo del suo fascino!

DURMITOR NATIONAL PARK

Dopo una settimana le scorte stavano per finire, ed era l’ora per noi di cambiare aria, cosi scegliemmo di andare alla scoperta di un luogo particolare ancora più a nord a pochi chilometri con il confine Serbo, L’Eco Camp Drno Brdo.

L’Eco Camp Drno Brdo nasce dalla mente di Sasa, un uomo Serbo che dopo 40 anni vissuti nelle città, stanco della società odierna, decise di acquistare un bosco in Montengro per crearsi il suo piccolo regno utilizzando esclusivamente materiale locale. Oggi l’Eco Camp dispone di quattro capanne nel bosco dove poter soggiornare a stretto contatto con la natura. Scoprire questo luogo ci ha reso estremamente felici,  per il fatto di conoscere un turismo alternativo rispettoso dell’ambiente, ma soprattutto perché ci ha permesso di passare del tempo con Sasa e sua moglie, due persone speciali con le quali durante la nostra permanenza  ci è sembrato di entrare a far parte della loro famiglia, la loro accoglienza e stata per noi una sorpresa inaspettata! https://www.facebook.com/drnobrdo/

UNA DELLE CAPANNE ECO CAMP DRNO BRDO

Eravamo oramai due settimane nell’interno del Montenegro, sentivamo la necessità di ritrovare il nostro amato mare, cosi ci mettemmo in strada direzione Podgorica passando dalla E65, una strada principale abbastanza impegnativa  super trafficata da camion ma di una bellezza unica per il fatto che costeggi per parecchi chilometri il fiume Tara circondato da falesie imponenti. Man mano che ci avvicinammo alla costa il caldo iniziò a farsi sentire, così scegliemmo di passare una notte sulla riva del fiume approfittando dell’acqua del fiume per rinfrescarci.

Arrivammo a Podgorica con temperature estreme. I 40 gradi all’ombra non ci permisero di visitare la città ma ne approfittammo dei suoi servizi per fare una lavatrice e rifornire in carburante grazie ai prezzi più economici rispetto al resto del paese, per dirigerci in seguito verso la costa con la speranza di trovare un po’ di brezza marina.

Grazie all’applicazione park4night trovammo un parcheggio all’ombra di una pineta non lontano dal centro abitato di Sutomore piccola località balneare non lontana dal confine Albanese. Passammo 2 giorni vicino al mare ma per quanto fosse più ventilato, grazie alla brezza marina, il caldo era comunque insopportabile. Oltre al caldo iniziava ad esserci molta gente, il mese di luglio era ormai alle porte ed il turismo estivo si faceva sentire. Decidemmo così di lasciare il Montenegro per cercare un po’ di fresco e tranquillità in Albania.

Queste tre settimane in Montenegro ci rimarranno impresse nel tempo, una popolazione semplice con sguardi sinceri ed una  natura maestosa con i suoi panorami mozzafiato ci lasceranno un ricordo bellissimo di un piccolo paese poco conosciuto non lontano dall’Italia che merita di essere scoperto!

Informazioni utili per i viaggiatori:

  • Internet super conveniente in Montenegro, grazie alla compagnia Telekom si trovano le tourist simcard 500gb per 10 euro valida per 15 giorni altrimenti 15 euro valida per 30 giorni, acquistabili praticamente in tutte le edicole.
  • Il prezzo del  gasolio a giugno 2021 girava intorno a 1.16 al litro. La località più conveniente che abbiamo trovato rimane Podgorica con 1.14 al litro.
  • Le zone più servite sono quelle delle bocche di Cattaro o di Podgorica,nel resto del paese si trovano piccoli centri ma se si necessita di prodotti particolari bisognerà sempre appoggiarsi alle due zone sopra indicate.
  • Il costo della vita è decisamente più basso rispetto all’Italia, si può dormire con 20 euro per una camera doppia nel centro centro del paese. Al ristorante con 10 euro a persona si mangia divinamente con porzioni abbondanti.

Pubblicato da storiedimannu

Viaggiare con un Mercedes 813 lp del 1983! Racconti di viaggio, Itinerari, consigli utili per viaggiare attorno al mondo con un camion.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: